Tropenmuseum

Tropenmuseum

Per le persone che pensano che Amsterdam sia solo occupata, è una rivelazione andare al museo tropicale. Questo museo di etnologia è davvero un'oasi di verde tra di esso Oosterpark e il Mauritskade, lontano dal trambusto del centro. Questo può essere un vantaggio se non ti piace un enorme flusso di turisti.

Il museo tropicale è appena fuori dal centro e quindi in una posizione più tranquilla. Il museo è stato intorno per molto tempo. Perché è già aperto in 1871. Fu anche il primo museo coloniale al mondo. L'edificio in cui si trova il museo è diventato un monumento nazionale in 2003.

Sperimentato con tutti i sensi

Nel museo tropici si ottiene l'impressione di tutti gli altri paesi e culture lontane. Vi è in questo museo di tutto ricreato fedelmente. La prima impressione, come si entra nell'edificio direttamente molto immenso. Immaginate se stessi in un bellissimo palazzo con le sue pareti in marmo e ampie scalinate. E poi, quando si cammina in una stanza, si ottiene la sensazione in realtà solo in un altro mondo.

L'odore è persino diverso da quello che ti aspetteresti ad Amsterdam. In questo modo hai anche la sensazione di essere solo in vacanza in Africa o in Asia, ad esempio. Questo è anche perché c'è una così grande collezione di oggetti esotici. E questi non sono installati in espositori lunghi un metro, ma sono veramente vissuti con tutti i sensi. Fortunatamente, c'è molto spazio per questo perché il museo è ospitato in un enorme edificio. In questo modo, interi villaggi dall'Africa e dal Sud America potrebbero essere ricostruiti. Ci sono un gran numero di mostre permanenti nel museo e anche progetti temporanei temporanei. Sul sito web del museo puoi leggere quali mostre possono essere viste al momento.

collezione Tropenmuseum

Il Tropenmuseum offre un'immagine di molte diverse culture in tutto il mondo. L'attenzione è rivolta sia alla cultura attuale che alla storia delle diverse culture. La collezione del museo consiste in realtà in una combinazione di collezioni del 19 secolo Museo coloniale di Haarlem e della vecchia collezione Ethnographisch Museum Artis. Il numero di oggetti presenti è enorme. Esistono oggetti 170.000 e oltre le foto storiche di 70.000.

Tropenmuseum con i bambini

Se volete che i vostri bambini a conoscere altre culture, si dovrebbe assolutamente andare di nuovo con loro lungo il Museo Tropici. Perché questo museo è molto adatto e interessante per i bambini di quasi tutte le età. Questo è anche perché i bambini non possono basta guardare a questo museo, ma anche di tutti possono scoprire e vivere. C'è qualcosa per i giovani visitatori una sezione speciale dove possono fare esplorazioni, strumenti musicali può giocare se passo in una capanna dove alcuni ceppi sulla vita quotidiana del mondo. I bambini imparano attraverso questo modo interattivo e, inoltre, non sperimentato imparano in questo modo, ma quando giocare e divertirsi.

Royal Tropical Institute

Il Tropenmuseum fatto stato a lungo parte del Royal Tropical Institute ed era in realtà una sorta di continuazione del Museo Coloniale di Haarlem. Il Royal Tropical Institute è un centro per la cooperazione interculturale e internazionale. Il museo tropici è stato finanziato dal Ministero degli Affari Esteri. Molto peccato che questa concessione è messo in 2014 arresto. Ciò ha avuto molte conseguenze negative per il museo. Quindi, un buon numero di dipendenti sono stati licenziati e persino minacciato un fallimento completo del museo.

Una soluzione è arrivata perché il Ministero dell'istruzione, della cultura e della scienza voleva concedere nuovamente un sussidio. La condizione era che il Tropenmuseum fosse disconnesso dal Royal Tropical Institute. Inoltre, la collezione di questo istituto divenne proprietà del governo. Questo è stato seguito da una fusione con il museo nazionale Etnologia da Leida e Museo dell'Africa da Berg en Dal. Insieme, questi tre musei continuano sotto il nome di National Museum of World Cultures. Fortunatamente i musei possono ancora essere visitati indipendentemente.

Sii il primo a commentare

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.


*